Casa bifamiliare - www.arki-tutto.com
311
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-311,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-theme-ver-10.0,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive

Casa bifamiliare

DATA

2014

LUOGO

Italia

Categoria
Nuove costruzioni
Descrizione

Il progetto, articolato sia nello sviluppo planimetrico che in alzato, consiste nella costruzione di una abitazione bifamiliare costituita da un’unità principale e da un’unità abitativa secondaria. La soluzione progettuale fornisce risposta alle esigenze dei proprietari: avere una abitazione confortevole della giusta dimensione e un immobile secondario da utilizzare come dependance o come casa da affittare. Richiesta imprescindibile è l’uso delle fonti rinnovabili di energia. Il fabbricato è stato pertanto concepito su due livelli: un piano seminterrato che occupa quasi interamente la superficie edificabile del lotto ed è adibito a garage, cantina, locale tecnico e deposito e il piano terra, posto a circa 150 cm al di sopra del piano stradale, in cui sono localizzati i vani abitativi. Entrambe le unità immobiliari possiedono anche un livello “aggiuntivo”, il soppalco. Tale ambiente, che nella dependance assume dimensioni esigue, destinato ad ospitare solo un piccolo studio, nell’abitazione acquista dignità di ambiente abitativo vero e proprio.Vi trovano infatti dimora una camera con bagno e cabina armadio ed uno studio con sviluppo planimetrico ad “L” in diretto rapporto con il soggiorno sottostante. La struttura verticale è realizzata in cemento armato, il solaio di piano in latero-cemento, mentre i soppalchi sono costituiti da travi in acciaio verniciato e sovrastante tavolato. I tamponamenti esterni sono realizzati con blocchi laterizi alleggeriti con farina di legno, “Ecopor”. Il solaio di copertura è costituito da travi lamellari in legno, tavolato e sovrastante isolante a doppia densità e pacchetto di ventilazione. Il manto di copertura è stato realizzato con tegola canadese. I paramenti esterni del fabbricato sono stati rifiniti con travertino “moka”, accuratamente selezionato per mantenere una certa omogeneità cromatica. Il distacco tra la porzione di paramento intonacato e paramento in pietra è delineato da un listello di travertino bianco. Le bucature sono enfatizzate da elementi lapidei a disegno orizzontale che diventano segno linguistico fortemente caratterizzante il progetto. Nel prospetto est campeggia la finestra angolare a doppia altezza in cui il montante in alluminio scompare per lasciare spazio alla purezza del vetro. La copertura è in gran parte occupata da pannelli fotovoltaici perfettamente integrati nell’andamento curvilineo di falda. I canali e i pluviali in alluminio convogliano le acque piovane verso una cisterna interrata bipartita per il riciclo delle stesse: in parte sono destinate ad uso irriguo, in parte sono destinate ai sanitari di entrambe le unità immobiliari. Nel giardino sono state realizzate anche tre sonde geotermiche che alimentano l’impianto di riscaldamento e raffrescamento dell’immobile. E’ stato inoltre istallato un impianto di ventilazione controllata per il ricambio automatico dell’aria. Nell’unica falda piana di copertura sono stati inoltre collocati dei pannelli solari per la produzione dell’acqua calda, integrata anche dal calore prodotto dai termo camini.